FVG: nasce Kalipè nuovo servizio di ascolto per adolescenti e genitori

FVG: nasce Kalipè nuovo servizio di ascolto per adolescenti e genitori

mercoledì 20 aprile 2022


Educatori reperibili 24h su 24h in qualunque modalità, anche online per affrontare le "crisi" adolescenziali in modo tempestivo. Un servizio della cooperativa Il Piccolo Principe
 

FVG: nasce Kalipè nuovo servizio di ascolto per adolescenti e genitori

Nasce Kalipè, il nuovo servizio di ascolto e consulenza psico-pedagogica rivolto ad adolescenti e ai loro genitori della cooperativa sociale Il Piccolo Principe di Casarsa della Delizia, realizzato grazie al supporto e al finanziamento della Fondazione Pittini e del Fondo di Beneficenza Intesa Sanpaolo. Un servizio che si basa su un approccio educativo e che considera le difficoltà adolescenziali come battute d’arresto nel percorso di crescita: si prevede non solo l'accesso in presenza o un primo contatto via email e telefono ma anche on-line in modalità a distanza, in base a quello che fa sentire più a loro agio i giovani e le famiglie. La pandemia ha aumentato le situazioni di disagio e questa vuole essere una risposta concreta. 

 

Obiettivo del servizio è aiutare gli adolescenti e le famiglie ad affrontare i cambiamenti e le difficoltà che crescendo possono incontrare, con la possibilità di parlare con educatori specializzati, reperibili 24 ore su 24 e in qualunque modalità si preferisca, anche quella online.

 “Kalipè -  ha spiegato Elisa Paiero, responsabile del Servizio per i Giovani della cooperativa sociale Il Piccolo Principe - è un augurio che nella zona dell'Himalaya viene rivolto a chi si incammina verso le montagne ed il cui significato è quello di poter “camminare sempre a passo corto, e lento". Con questo nome volevamo far capire che Kalipè è uno spazio di ascolto accogliente in cui noi educatori ci mettiamo a fianco dei ragazzi adolescenti e delle loro famiglie per un tratto di strada, facendo loro sperimentare un modo diverso di camminare verso il futuro“.

 

Rivolto a ragazze e ragazzi dai 13 ai 21 anni, per accedervi gli adolescenti potranno inviare una email, telefonare o incontrare di persona gli educatori nel modo che li fa sentire più a loro agio: non solo nella sede del servizio (in via Vittorio Veneto a Casarsa) ma anche passeggiando all’aria aperta oppure chiacchierando via computer (il tel. è 378 3032959). Verrà garantito l’anonimato. Lo stesso servizio è aperto anche a genitori di preadolescenti e adolescenti che sentono il bisogno di un confronto nel gestire la relazione con i propri figli o che vivono un momento di difficoltà legato alla loro crescita. Si tratta di un servizio completamente gratuito per le ragazze e i ragazzi che ne fanno richiesta e per le famiglie che già stanno facendo un percorso con i servizi pubblici sociali e sanitari del territorio, per gli altri nuclei famigliari vengono garantiti costi contenuti secondo i principi di solidarietà della cooperativa.

 

“Alla luce del generale disorientamento dei modelli educativi adulti e delle sempre maggiori difficoltà da parte dei ragazzi nel gestire in modo funzionale i propri compiti evolutivi - ha aggiunto Elisa Paiero - la nostra cooperativa ha sentito il bisogno di dare una risposta, realizzando un servizio professionale che, a costi contenuti e in rete con i servizi pubblici sanitari e sociali del territorio, offrisse un supporto rapido e professionale”. Nel servizio è, infatti, impegnato personale de Il Piccolo Principe specializzato in particolare riguardo allo sviluppo adolescenziale: educatori professionali e socio-pedagogici, professionisti con specifiche competenze nelle problematiche che ostacolano il percorso di crescita dei giovani. “Attualmente - ha concluso Paiero - sono in crescita gli adolescenti e le famiglie in difficoltà, al punto che  i servizi pubblici territoriali non riescono ad intercettarli nel momento in cui le loro difficoltà sono in fase precoce e i servizi privati sono economicamente inaccessibili per alcune famiglie. Noi crediamo che con un intervento più tempestivo e con un lavoro in rete fra professionisti, in molti casi le difficoltà si risolverebbero più rapidamente. A Casarsa abbiamo già sperimentato il servizio a partire da settembre 2021 e abbiamo già accolto cinque ragazzi e tre genitori”. Inoltre, all’interno di “Kalipè – Spazio di ascolto” Il Piccolo Principe ha anche realizzato la proposta di sportello di ascolto scolastico, avviata al momento nelle due sedi secondarie di primo grado dell’Istituto Meduna Tagliamento e grazie alla partnership con le cooperative Aracon e Thiel, il servizio “Kalipè” è stato avviato anche nei territori di Udine e Monfalcone, sia nella forma di spazio di ascolto per genitori e ragazzi, che nella modalità di sportello scolastico.

 

  Alessandra Fabri

Riproduzione riservata ©
254

Confederazione

Territorio

Federazioni